giovedì, luglio 29, 2010

FINISHER


a giorni di distanza trovo il tempo, la voglia e la tranquillità per buttare giù qualche parola riguardo l'avventura conclusasi domenica scorsa.

una sola parola: FINISHER.
così vieni nominato quando tagli il traguardo dell'Ironman.
medaglia al collo, maglia e tanta tanta gioia.

uan gara preparata bene tutto l'anno, con volumi elevati di allenamento che il fisico deve di certo ancora digerire.
ci vuole tempo, calma, costanza e pazienza.
la voglia di mollare è sempre dietro l'angolo, ma la testa deve essere ferma e convinta su ciò che si sta facendo.

siamo partiti martedi, doveva essere mercoledi; un casino la gestione del viaggio.
gli umori non al massimo.
arriviamo a Zurigo mercolei pomeriggio con un gran caldo, ma già giovedi ci attende il campbio del tempo...pioggia e freddo fino a sabato sera.
partendo presto non ho potuto rifinire al massimo gli allenamenti per la gara; così sono arrivato a domenica ancora un poco affaticato del viaggio, ma pazienza...tutta esperienza per il futuro.

la mattina si parte presto. ore 7
2700 atleti che nuotano nel lago di Zurigo.
parto defilato, non prendo molte botte e mi sistemo al passo.
esco in 1h spaccata.

mi dirigo verso la zona cambio, cambio veloce e parto in bici.
la gambe gira e il ritmo è buono.
dopo 40km mi fermo per andare in bagno, affronto la salita lunga, di nuovo lungolago e poi l'HEART BREACK HILL-....
sembra andare tutto bene, ma circa al 110°km avverto una fitta alla coscia destra, devo fermarmi..attendo e riparto, ma crampi in continuazione...mi fermo, mi siedo e decido di ritirarmi, poi desisto, non mollot, ma vado avanti così .... ritiro o no ritiro????
alla fine riesco a arrivare all'ultima salita, scalo il rapporto e cade la catena, si incastra e li capisco che effettivamente non è giornata.
così mi rilasso, la prendo con calma e riparto.
5h19'...senza problemi avrei chiuso bene intorno alle 5h nette.

di nuovo in zona cambio e si corre.
anche qui condizionata da crampi, molte e soste e la voglia contina di mollare.
le gambe son devastate, non riesco a prendere il ritmo...
però arrivo alla finish line ed è una festa.
maratona in 3h48'....troppo, ma buono visto la disavventure.

tempo finale 10h11'...
come esordio non posso lamentarmi; certo la preparazione era per un tempo inferiore ma...ottima esperienza che mi servirà per il futuro.

contento, con la medaglia mi dirigo al ristoro...tanta birra analcolica.
sorriso in faccia e il pensiero: DOVE ANDRO' L'ANNO PROSSIMO?????