mercoledì, maggio 07, 2014

Ultimo Post

Non è facile capire bene da dove partire, dalla descrizione dei fatti e degli avvenimenti.
Ci sono giorni in cui ti senti spento, vuoto dentro e non hai voglia di fare nulla, ti fermi a pensare e fare un bilancio di quello che è stato fatto fino ad ora.

L'ultimo posto raccontava della ripresa in corsa, dei primi km fatti dopo lo stop per l'infortunio.
Quell'infortunio che mi ha condizionato la vita negli ultimi due mesi. Si perché ormai sono quasi due mesi e non se ne viene a capo.

Domenica sera, dopo l'ennesimo rifiuto ad uscire e passare una serata con amici, ero allungato sul letto e la mente è andata a circa 10 anni fa, in quel periodo nasceva anche il blog.
Frequentavo il forum dei Verdena, eravamo una bella community appassionata dalla musica e uniti dai Verdena stessi.
Concerti e raduni, amicizie vicine e lontane...un poco come si è creato e si crea costantemente con il blog.
Mi è brillata in testa l'idea di provare a contattare tutti su Facebook e ritrovarci virtualmente come gli anni passati. Missione compiuta: ho scatenato un casino sulla mia bacheca, un flusso continuo di messaggi e di amici che si rincontrano.
Perché questo?
Per distogliere temporaneamente il problema e non pensarci.
Per un tratto tutto è stato placato, alla fine un infortunio è normale e passa. Così è stato...ma il problema rimane e mi limita nella vita di tutti i giorni.
Non ci sono lesioni, non ci sono problemi, rimane il fatto che a distanza di due mesi io non cammino.

La bomba è scoppiata lunedi sera.
Proprio lunedi sera ho avuto la conferma di quello che temevo e che sto da giorni cercando di evitare.
Lunedi però non potevo sottrarmi e sono dovuto andare a festeggiare il compleanno della moglie di mio fratello (si scrivo così perché all'età di 32 anni non mi ricordo mai se si definisce genera, nuora, suocera....non c'ho mai capito niente e credo che ormai rimarrò a questa grande lacuna).
Non è bello sentirti osservato; non è bello aver paura di alzarsi dalla sedia e cadere a terra; non è bello aver paura che un bambino involontariamente ti urti facendoti perdere l'equilibrio e facendoti sentire dolore; non è bello dover prendere la gamba con la mano per fare i primi passi;  non è bello mettersi a letto le sera e sperare che il giorno dopo alzandoti il cammino sia tornato nella normalità; non è bello svegliarsi la mattina e rendersi conto che da 50 giorni non è cambiato nulla!!!

Di qui il bisogno di staccare e di chiudere.
Non so bene se sarà la chiusura del blog o solo una lunga pausa. Fatto sta che non ho più la voglia di comunicare e di raccontare, di stare in gruppo. Non mi sento più idoneo e partecipe.

E' bello seguire molti ancora su twitter e leggervi magari ancora qui.

Grazie Blogger, un giorno ci si rivedrà



17 commenti:

Karim ha detto...

Pero'... tutto era cominciato con "Lieve lesione di primo grado in prossimità dell'inserzione tendinea del muscolo retto femorale", sembrava una cosa da niente, lieve appunto, e stai ancora in questa situazione... Per un atleta come te deve essere dura da sopportare. Tutta la mia solidarieta', spero che ti rimetterai presto e spero di leggerti di nuovo. Sei sempre un esempio per dedizione, costanza, serieta'. In bocca al lupo!

orlando ҉ magic ha detto...

cavolo Ale, non credevo fossi in questa brutta situazione!
ti auguro di risolvere e tornare al più presto, intanto buona pausa!

stefanoSTRONG ha detto...

anche io sono rimasto sorpreso!
Daje Alè, ti aspettiamo, sia in zona cambio, sia sul blog!

nino ha detto...

non posso che augurarti di uscire al piu presto da questa brutto infortunio

Albe che corre ha detto...

Lo scorso anno sono stato fermo per ben 4 mesi ...queste sono cose che si risolvono ...con pazienza , ci vuole tempo ma si torna e si torna sempre con più voglia di prima.
Ora il tuo allenamento è quello di recuperare il prima possibile poi il retso verrà da se! Ci vuole pazianza.

theyogi ha detto...

io ho i tendini a brandelli ma non mollo, mi adeguo: non dirò altro. a presto fratè......

Gianmarco Pitteri ha detto...

Mi unisco al coro di chi mi ha preceduto... sono sicuro che ti rileggerò presto!

marianorun ha detto...

Cavoli che brutta esperienza. Il corpo umano in genere si autoripara. A volte occorre capire bene cosa c'è che non va. La testa aiuta moltissimo. In bocca al lupo e sappi che qui siamo in tanti a fare il tifo per te! Mariano

Andrea ha detto...

In bocca al lupo!!!!

MauroB2R ha detto...

non sei uno che molla! nem! su la testa Ale!!!

Andrea87 ha detto...

Ti auguro di ritrovare la forza e motivazioni per superare questo brutto momento.. In bocca al lupo;-)!

Andrea87 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Master Runners ha detto...

Sarà sicuramente una pausa, e se così non fosse non c'è problema.
Alè è solo un anno del cazzo, passerà anche questo, prima di quanto immagini ;)
Daje coach!

franchino ha detto...

Atz mi spiace Ale! Siamo tutti messi male! Anche per me periodaccio,.. in bocca al lupo!

Mauro Battello ha detto...

lo so che può sembrar "falso" ma non lo è e visto come stanno le cose, in attesa che tutto si risolva, approfittane per fare altro, per colmare quelle mancanze che la vita da atleta/sportivo ti/ci obbliga a dover declinare!!!
cerca di goderti la pausa forzata, tanto prima o poi ricominci!
daje ROCCIA

Thomas Enzo ha detto...

UN GRANDE IN BOCCA AL LUPO!!!

andrea dugato ha detto...

è nel tuo sangue lo sforzo muscolare
se ti tiri indietro è èerchè lo stai sentendo necessario
quando passerà, non potrai fare a meno di ritornare a far fatica
dunque fiducia in ciò che senti, che è la guida per uscire dal vicolo
una delle nostre potenzialità è l'adattamento, tienilo sempre in considerazione
un saluto di conforto
ciao