lunedì, aprile 06, 2009

un giorno no

che bella giornata ieri,
bella gara, una grande giornata...la serata di ripos a casa..poi a dormire.

alle 3:20 circa però, mi sembra di sognare, il letto si muove, tutto attorno balla!!!!
è il terremoto, mi sveglio ed in piedi, sento le persone che scendono le scale, mi affaccio ma non mi allarmo più di tanto.
il tutto dura poco, senza conseguenze.
meglio così, attendo un poco, chiacchiero con i condomini e mi rimetto a letto;
prima però..diamo un'acchiata all'ultimora del televideo.
niente notizie su roma, ma su L'Aquila..un bella botta!!!
ok...sonogiorno che il sisma colpisce la mia ex-città..non mi preoccupo.

ore 6:30, mi sveglio, preparo la borsa e vado in piscina.
si nuota---
esco e non è tardi, mi fermo al bar a fare colazione.
sento parlare di danni e mi informo...a Roma niente di grave ma nell'Aquilano, un devasto!
vado in laboratorio ed inizia la giornata, ogni tanto spulcio ansa on-line...
sale il numero delle vittime, vedo le immagini...la città non la riconosco.
mi sento giù, tanto giù.
mi informo circa i miei amici, fortunatemente nessuno grave...
moralmente però, non va!!!!!!!!!

ora 18 esco e chiamo un amico triathleta, la voce è debole; è stanco e preoccupato.
l'evento ha devastato tutti.

ora vedo la tv, non riesco a crederci; fino ad agosto ero li, ora mi sono trasferito a Roma..che dire,
mi sento veramente fortunato.

4 commenti:

Furio ha detto...

Si sei molto fortunato; lo siamo tutti, noi al nord poi, penso che non capiamo veramente cosa si a un terremoto.

luca54 ha detto...

sono contento per te ma molto dispiaciuto per tutte le persone coinvolte in questo dramma spero per loro che la fortuna li aiuti veramente. Ciao

stoppre ha detto...

ciao,purtroppo zona sismica e costruzioni non più adeguate hanno fatto il dramma.
che dire? nulla, però è inevitabile sentirsi coinvolti nel lutto

Francorre ha detto...

Un saluto, ed un abbraccio.