giovedì, gennaio 31, 2013

A volte sono lucido e mantengo la calma

Lo ammetto, non sempre, anzi quasi mai, ci riesco.
Mantenere la calma e sangue freddo durante alcuni attimi della giornata non mi rimane davvero semplice.

Capita in orari e luoghi ben precisi.
Capita li dove dò il 100% di me sempre e comunque.
Li nel momento in cui mi sento di dovere dare il massimo per ottenere qualcosa, per migliorare.

Lo spirito e l'indole agonistica in quei casi riesce a prendere il sopravvento e non farmi essere lucido sempre....o sarà  la fatica.

Non in bici, non in corsa...li sono tranquillo e rilassato, io solo io, io e basta.
Il problema si pone in vasca.
Piscina di Giulianova, fantastica!!!!!
Però il problema è l'allenamento concreto e strutturato che non sempre vien capito dal nuotatore libero.
Capita spesso di sentirmi vociferare dietro.
Sento persone che contestano:
" non ti fermi mai"
" però vai un poco più piano"
"sempre quest'orologio..."

beh.....
anno dopo anno, alla lunga anche alle persone più calme e pacate il solito vociferare può dare noia.
A volte mi capita che nel virare vedo qualcuno che immediatamente mi parte avanti...inevitabilmente o lo sommergo oppure devo sorpassarlo dopo 1m.
Il rispetto in molti casi viene meno, come se non vada bene che mi alleni e regga alti ritmi (che confronto a chi nuota veramente sono ridicoli) e volumi.

Pazienza...tutto mi passa ma oggi...
oggi non tanto :)

Allenamento facile di recupero.
Lavoro aerobico con finale di 10x100 pull+pale....
dopo il primo mi sento dire che non devo usare le palette....lascio perdere e parto per la seconda ripetuta...mentre nuoto penso e ripenso.
Finito il 100mi fermo e tolgo le pale, accontentando il signore gentile che da circa 30' è ammollo nella vasca senza fare nulla!!!!!
Continuo a nuotare, rispetto i tempi i ritmi e le andature.
Finisco il lavoro.
Bene, manca un poco di velocità, misti, gambe, defaticamento ed anche per oggi è andata.
Nella pausa tra il precedente lavoro e il finale mi sento di nuovo interpellare dallo stesso signore:
"ehi,...sei uno stronzo!!!! non devi prendere in giro, sei un piccolo stronzo", alludendo al fatto che dopo il suo richiamo di togliere le palette ho assecondato il suo volere.
Reazione...così così.... un semplice:
"scusa ma non mi sembra che io abbia mancato di rispetto offendendoti...tantomeno ti ho urtato nel nuotare, quindi....gradirei delle scuse per l'offesa".
Un altro paio di stronzo me lo son beccato....
beh
senza litigare troppo ho finito l'allenamento, doccia, casa e via.

Che dire dall'episodio di oggi....beh, se la gente non ha nulla da fare e ammazza il tempo in piscina...si può stare tranquillamente al parco o al bar.
Se la persona in questione non sta bene con se stesso e di conseguenza con gli altri, son fatti suoi....non è colpa mia se rispetto alla clientela della piscina nuoto veloce.

Beh.....insomma con una serie di "stronzo" e offese...la giornata sportiva si è conclusa.
Alla prossima però, credo proprio di risponder per le rime.

martedì, gennaio 29, 2013

un medio andante

Ore 7,
andiamo va che è meglio.

Caffè preso, faccia  lavata....manca qualcosa....ah si non sono andato in bagno.
Pazienza, speriamo non mi venga durante l'allenamento.

Il tempo di parcheggiare l'auto sul lungomare che arriva lo stimolo: iniziamo bene :(
Fortuna c'è il bar aperto.
Pausa bagno e sono pronto.
Si parte
riscaldamento di 4km andante in leggera progressione e poi 8km a 3'55"/km.
Le gambe non girano al meglio, devo riprendere lo smalto perso in questo periodo, però non mollo.
la tirata giunge al termine, defatico 2km ed è fatta: primo della giornata portato a termine: 14km alla buonora.

Solita routine lavorativa.
Periodo leggermente moscio ma ci sta...sentendo il socio è un poco così ogni anno ( da sua esperienza).

A pranzo si nuota.
Lavoro aerobico con finale di forza. tot 5km.

beh...sportivamente anche oggi è andata.
Tocca recuperare bene per il giro in bici di domani e ....step by step anche la freschezza muscolare in corsa non tarderà a tornare

domenica, gennaio 27, 2013

Combinato lungo

Direi soddisfatto e felice.
Recuperato abbastanza bene il lungo collinare svolto ieri mattina, tra vento e freddo (erano le 6:30).

Ieri sera ho pensato di recuperare le energie approfittando del ritorno di mio cugino Cristiano da Milano, weekend toccata e fuga, quindi tocca onorarlo.

Cena a base di carne alla griglia, al ristorante Chili Pepper di San Benedetto del Tronto.
Una taglia di Black Angus...perso circa 500g, con patate al forno e fagioli messicani.
2 bionda 0,5l per accompagnare il tutto; ottima compagnia e la serata passa in fretta.

Alle 8 di questa mattina sono in strada.
Mi sarei dovuto incontrare con il capitano Ezio ma.....mentre percorrevo il lungomare ho incontrato alcuni amici ciclisti e mi sono unito a loro per il lungo domenicale.
SMS veloce al capitano (per lui oggi solo 60km ad anticipare la corsa).
Mi unisco a loro.....
Solito scenario, sono davanti a tirare il gruppo assieme ad Abramo. Vento gelido in faccia ma fa nulla, la gamba gira bene e teniamo un buon ritmo.
Mano a mano si apre il cielo, esce il sole ma il vento non cala più di tanto.
Ritorno a ritmo più sostenuto.
Rientro in casa tranquillo con la salitella fatta in relax.

125km archiviati.
Cambio scarpe, prendo un gel, un sorso d'acqua e parto per la corsa.
Nelle vicinanze di casa...sali e scendi che si accumulano a quelli del giorno prima.
La gamba però oggi sembra stare meglio.
8km a buon ritmo.

Stretching, doccia, pranzo e....il bel pomeriggio lavorativo al pc fino a poco fa.....
ora relax, almeno fino a domani mattina

sabato, gennaio 26, 2013

aggiornamento allenamenti

settimana che procede abbastanza bene.
I postumi della cura antibiotica stanno scomparendo e l'energia sembra tornare a buoni livelli.

Carichi e volumi in aumento.
Causa maltempo ieri è saltato l'allenamento di qualità in corsa.
Nuoto ok, con costante incremento dei volumi.
Buona bici con primi lavori in soglia.

MERCOLEDI: lungo bici con 4x20' a FM. tot 110km

GIOVEDI: Corsa, 12km in progressione
                   Nuoto: lavoro di forza. tot 4500

VENERDI: Bici, indoor. fase centrale 5x5' in soglia. tot 1h30'
                   Nuoto, lavoro di soglia. tot 4600

SABATO: Lungo collinare di corsa. 18km
                   Nuoto. lavoro aerobico. 4500

martedì, gennaio 22, 2013

Base 3...

Si riparte con una nuova fase della preparazione.

Ancora 4 settimane di allenamenti per completare il periodo base della preparazione e poi iniziare a sviluppare e lavorare su altre qualità
Ciclo classico 3+1: 3 settimane di carico + 1 settimana di scarico.

Dal prossimo ciclo varierò qualcosa, maggiore quantità ed intensità.

Solito principio: progressività del carico.
In questa fase si andrà a lavorare:
- Sulla resistenza aerobica, potenza aerobica e forza nel nuoto;
- Fondo medio e forza, sempre curando l'aspetto aerobico, per quanto riguarda la bici;
-  Lavori di Vo2max, accenni alla soglia e resistenza aerobica nella corsa.

Iniziato ieri, ancora un poco debole cuasa antibiotici, ma non male come allenamento.
Il meteo non è stato clemente così ho dovuto ripiegare su di una seduta indoor

1h30' con lavori di forza


Oggi doppio:
mattina corsa con fase centrale 6km aFM
pranzo nuoto con lavori aerobici e richiamo di forza

domenica, gennaio 20, 2013

L'estrazione ed il riposo

Venerdi pomeriggio ore 15 sono andat  dal dentista: obiettivo estraziome del dentre del giudizio in basso a destra.
Senza timore alcuno per l'intervanto, l'unica mia preoccupazione era circa la ripresa degli allenamenti, i postumi che mi avrebbe lasciato e gli antibiotici in circolo...nonchè la paura del cosa mangiare, come poter mangiare...la ferita si può infettare, rischio qualcosa?
Insomma tutte le paranoie possibili ed immaginabili solo ed esclusivamente sul dopo intervento.

In effetti la paura dell'intervento non c'era ma non c'è mai stata. forza il fastido per i continui gonfiori dovuti alle varie infiammazioni erano più snervanti della paura di un'eventuale intervento.

Dunque venerdi, dunque sono le 15 e mi siedo sulla poltrona.
Anestesia, controllo, e si inizia ad operare.

1h....tanto c'è voluto per estrarre quel meledetto ed inutile dente del giudizio.

Dolore 0 durante, nessun problema dopo, esclusa la sanguinazione che i ha fatto un poco preoccupare ma...mi han detto tutto nella normalità.

Ier giorno di riposo assoluto dallo sport, sembra strano ma non mi andava di rischiare. Oltra al timore dell'intervento, anche la spossatezza indotta dagli antibiotici ha fatto il suo effetto.

Questa mattina ho rpovato la ripresa.
Ho duvuto rinunciare alla festa del rpesidente Peppe Carosi...non potendo masticare, essendo ancora un poco rincolgionito, non me la sono sentità di salire in montagna...meglio nonprendere freddo.
Rinunciato alla corsa con il capitano alle 8 per poi dirigerci in montagna....a parte che ho visto il messaggio stamattina :) ma poi non ero sicuro della resa sportiva.

Così sono uscito solo soletto per i miei 12km tranquilli.
Come temevo le gambe non son altop, normale che sia così...c'è stato anche un fastidio intercostale dovuto alla caduta in bici di mercoledi, spero passi presto.

Intanto la settimana di scarico siè conclusa, da domani meteo permettendo si riparte con un nuovo ciclo di allenamenti

venerdì, gennaio 18, 2013

L'importanza del CASCO

In bici, in moto, sugli sci, sullo Snowboard, con i pattini, nei cantieri di lavoro.

Dovunque sia necessario, raccomandato, consigliato o imposto.
Il CASCO per proteggere la testa è importantissimo.

Non tutti lo usano negli allenamenti inbici; pochissimi lo usano sugli sci; negli ambienti di lavoro a rischio si sono persone che latitano dall'usarlo.

E' importante.
Non salverà la vita nel caso di impatti e urti troppo violenti, sono il primo a dirlo e considerarlo, però ci proteggono.

Da semprel ouso nelle sucite in bici.
Se capita che esco dal garage senza indossarlo, magari perchè ho fatto tutto di fretta o per mi son dimenticato, faccio dietro-fronto.
Rientro nel cancello, apro il garage e indosso il caschetto di protezione....poi si può andare.

Dopo la caduta di mercoledi posso ribadirlo con maggiore forza e convinzione.

Sebbene il mio impatto al suolo non è stato forte e traumatico, con la testo sono finito, pur lentamente ma l'ho toccata, sulla parte anteriore dell'auto.
Nulla di grave, ok, non mi ha salavato la vita ma.....mi ha attutito l'impatto, mi ha evitato escoriazioni ed eventuali traumi....

Fidatevi e credetemi....il CASCO è davvero importante:
INDOSSATELO SEMPRE

mercoledì, gennaio 16, 2013

Lungo...con il botto

Una di quelle giornate belle, ma davvero belle.
Siamo a gennaio, metà gennaio; c'è un bel sole, il cielo è azzurro...temperature gradevoli:
ma siamo sicuri.
Sono sveglio o sto sognando?

E' mercoledi.
Giorno di chiusura del negozio, e ne approfitto per fare l'allenamento lungo di bici.
Tempo ne ho e posso anche prendermela con calma.

Esco alle 8:30.
Solita strada, solito tratto in riscaldamento.
Piano piano...c'è la scuola, l'ospedale, un'altra scuola, il cimitero.
Si, prima ri raggiungere il lungomare devo effettuare questa strada e non posso di certo mettermi a menare i pedali da subito.
Calma e tranquillità, non si può andare veloci.

Semaforo verde all'incrocio e vado dritto.
Una signora, occhiale da sole, sigaretta e occhio ancora socchiuso.
Idea brillante....gira senza mettere la freccia, non mi vede mentr procedo attraversando l'incrocio.
Freno e la ruota davanti slitta, sono a terra!
Scivolo e con la testa finisco sotto il davanti dell'auto, che nel frattempo si è fermata:

NON TI HO TOCCATO!!!!

Ecco le prime parole che fuoriescono dalla bocca della signo, che immediatamente getta la sigaretta lontano (forse sei in torto signora?!?!?!).

Cmq sto bene, non ho dolori, spero e sono sicuro niente di rotto...grazie per l'interezzamento...macchè la prima cosa a cui ha pensato la gentil donna è quella di discolparsi....

vebbè cose che capitano.
Prende rimonta in macchina, di nuovo un NON L'Ho TOCCATo e va via.

bah.....
mi rialzo soccorso da due persone.
Son al centro dell'incrocio.
Mi appoggio al marciapiede.
Sono tutto intero e la bici c'è.
Grazie a tutti per l'interessamento....ora si torna alla normale routine...tutti a lavoro.

Allora siccome è tutto ok, torno anche io a fare ciò che sdtavo facendo: PEDALO.
Riparto e svolgo il mio allenamento, il lungo di oggi è portato a casa

120km e passa la paura.

Sono vivo

martedì, gennaio 15, 2013

Triathlon Time

Inizia una nuova e bella collaborazione.
Grazie allo Staff di TriathlonTime

http://www.triathlontime.com/la-vo2max-nel-triathlon/

lunedì, gennaio 14, 2013

WINTER TRAIL Colle San Marco

Sabato 12 gennaio ore 19.
Anticipo la mi uscita dal negozio, lascio il solo da solo a fare la chiusura.
Direzione Colle San Marco, dove mi aspettano gli amici della Flipper ed Avis Ascoli Marathon.
Il giorno seguente si svolgerà la gara di Winter Trail. Esordio per me nella specialità.

Ne approfitto per salire il sabato sera, vista la disponibilità di alcuni posti letto e la possibilità di passare un bel weekend con degli amici che per distanza magari riesco a vedere poco.

Alle 21:15 sono sul posto, e subito all'arrivo è pronta la cena....cosa c'è di meglio?!?!?

Una bella mangiata, tante chiacchiere e risate, qualche spettacolo fuori programma ed è un attimo ad arrivare l'ora di andare a letto.
Tutti in branda, una camerata da 7 persone, la sveglia il giorno dopo sarà presto: occorre aiutare a preparare il tutto per la gara.

Domenica 13 gennaio.
Ore 6 sono già in piedi.
Arrivo nella sala allestita per le colazioni, caffè, due chiacchiere e sono pronto insieme agli altri per dare il via ai preparativi.
Tutto scorro molto velocemente fino all'arrivo dei primi atleti, la distribuzione dei pacchi gara, e la fase di riscaldamento.

Lo speaker dà il via.
Parto nel centro del gruppo. Ci sono atleti esperti nel campo enon vorrei intralciare la loro gara.
Parto tranquillo per non rischiare di rimanere senza benzina.
I primi 2km li faccio in gruppetto, il cuore sembra reggere bene.
Vedo che riesco a spingere in salita ed anche nelle prime discesa, da me molto temute, mi sento a mio agio.
Supero e mi allontano, scalo salite e mi lancio in discesa.
Proprio sull'ultima salita supero definitivamente 3 atleti e mi porto in una buona posizione, a distanza di circa 10 dall'atleta che mi precede e che mi fa le traiettorie  giuste per non cadere.

Ad un km dall'arrivo ci sono Ezio e Franco che mi incitano a sprintare ma le gambe non sono il massimo della reattività. Mi tengo buono e vedo a 20m Bucci, forte atleta abruzzese....non riuscirò a prenderlo però sono li, a ridosso e tagli il traguardo in 1h24'.
9° assoluto e 1° di categoria.

Ottimo davvero l'esordio. Poco meno di 16km con 700m di dislivello. Terreno a tratti ghiacciato ed innevato...esperienza davvero molto positiva.
Tanto divertimento prima, durante e dopo.

Dopo....dove collaborando con l'organizzazione per gestire il pranzo degli atleti, la festa è continuat fino alle 15:30 dove abbiamo ripreso la via del ritorno per tornare al mare dopo un fantastico weekend di montagna.

domenica, gennaio 13, 2013

WINTER TRAIL Colle San Marco

Esordio nel Trail.

Oggi a Colle San Marco (Ascoli Piceno), ho esordito in questa tipologia di gara.
Un Winter Trail, poco menodi 16km, 700m dislivello.....

Ottimo Esordio:
9° assoluto e 1° della categoria M18-34



per ora breve News...domani il resoconto di un gran bel weekend di amicizia e sport

giovedì, gennaio 10, 2013

Recupero Attivo

Domenica, Lunedi, Martedi e Mercoledi.
Quattro giorni di allenamenti duri ed intensi.
Tanto volume e tanta intensità sopportata dall'organismo, ora è tempo di recuperare.

La mezza maratona di Domenica mattina.
Il lavoro in bici fatto lunedi.
L'allenamento in Vo2max svolto martedi mattina per la corsa.
Il combinato lungo di ieri.

Insomma, una giornata di allenamenti facili oggi era fondamentale ed opportunamente inserita nella programmazzione.

Nuoto e corsa, tutto molto facile e senza particolari intensità.


Nuoto per un volume totale di 4km con lavori di forza. Subito a seguire corsa per 12km di fondo lento.

Da domani si riprende a caricare

Step by step

mercoledì, gennaio 09, 2013

Maratonin dei Magi 2013

Domenica 6 gennaio.
Mi sveglio presto come al solito, alzo la serranda della camera ed è ancora buio...esco fuori, brrr fa freddo, vedo il cielo. Ci sono le stelle. Sarà una bella giornata di sole oggi.
Perfetto, finalmente farò la mezza maratona di Magi senza pioggia.

Sono le 8 e passa a prendermi Dimitri, strano ma vero è puntuale.
E' freddo.
Sono ben coperto e salgo in macchina pronto per andare a Porto d'Ascoli, da dove partirà la gara.
Due brevi soste per prevelevare Emiliano e Claudio, ed in circa 20' siamo già sul posto.
Pronti al ritiro pettorali.
Sebbene cambia poco sembra la prima volta.
Il ritorno tra le file dell'Avis Ascoli Marathon. squadra con la quale ho iniziato l'attività podistica nel 2007.
Cambia poco perchè è come se non fossi mai andato via da loro. Tanti, tutti, amici. Compagni della Flipper, ma anche podisti con cui una sorta di legame sportivo è comunque rimasto.
Un gradito e voluto ritorno nella grande famiglia ascolana.

Ci cambiamo velocemente.
Occorre uncersi di crema scaldante per le voluminose masse muscolari degli arti inferiori.
Guanti e fascia.

Obiettivo: voglia di faticare 0, quindi proverò a fare un bell'allenamento assestandomi sui 3'55"/....standard di gran lunga inferiore rispetto al solito ma sono convinto che ora come ora provare a forzare, non avendo la condizione, può solo fare che male.

Nel centro del gruppo alla partenza.
Visto la tattica e la futura condotta di gara non sono li davanti a cercare la migliore via di fuga nella partenza.

Siamo noi: io, Emilian e Franco....i soliti.
Partiamo dietro, piano e ridenti in volto.
Iniziamo a sorpassare gente, i primi km vengono notevolmenti ricoperti a ritmo più lento del previsto. Il tutto mi turba e sconvolge poco.
Ci districhiamo dopo qualche km eci mettiamo al passo.
sono davanti a tirare un gruppetto....tra i tanti vedi altri alteti con la stessa pesantezza e tranquillità che mi assale in questo periodo. Dopo le feste per molti la voglia di faticare e soffrire sembra essere davvero al minimo.

Faccio una breve sosta pipì..il gruppo va e provo a riacciuffarlo.
Dovrei aumentare il ritmo, ma non mi va....sto bene così. Li tengo a distanza di 50-60m.....corro solo e raggiungo il traguardo battendo il 5 e salutando alcuni amici posti nelle vicinanze.

1h23'....ottimo allenamento e prima gara dell'anno portata a termine.
Bene così...senza alcun rimpiato nè rimorso.
Quest'anno è così....testa ferma verso un obiettivo.
Ho accettato il consiglio di un amico ad ottobre prima di correre la Verona _Marathon ed ho intenzione di accettare e seguire i consigli che lo stesso mi sta dando ultimamente.

La pratica e l'esperienza nello sport sono valore aggiunto alla teoria.....
Ogni consiglio ve preso, analizzato, metabolizzato e fatto nostro. Poi libertà di scelta se sguirlo o meno, però pensare pensare e ripensare...ogni parola detta da amici è per noi.

Rientro in casa e la domenica solita di lavoro mi riempie il pomeriggio.
Sciolgo 1h sui rulli a ritmo agile, alte rpm e finiamo la serata come ai vecchi tempi: pizza & birra.


Allenamenti:
lunedi: mattina corsa 10km fl
            pausa pranzo: bici, lavori di forza in salita. tot 60km

martedi: mattina corsa. lavoro di Vo2max. totale seduta 12km
              pausa pranzo nuoto. lavoro aerobico e forza. tot 5km

mercoledi: combi: bici uscita lunga di 125km + corsa 6km

sabato, gennaio 05, 2013

Pre-gara

Domani si torna a gareggiare.
Calma calma e tranquillità....ALLENAMENTO e lo scrivo con la lettera maiuscola.

Metto su km e penso al futuro.
Le feste, le serate non mi permettono di essere competitivo...e a dire la verità anche gli allenamenti fatti non sono stati mirati a correre bene una mezza maratona.
Non per questo però mi va di tirarmi indietro.
Partecipare e correre con tatna gente è pur sempre un qualcosa di bello e positivo.
Perchè correre per la stessa distanza in solitudine qui a Giulianova, quando a 25km circa c'è una gara?

Avanti con la programmazione quindi...niente scarico oggi ma un bel pre-gara che va a sommarsi agli ottimi allenamenti svolti fino ad ora....

si va avanti, passo dopo passso, km dopo km...mettendo un mattona sopra l'altro per costruire il prodotto finale


ALLENAMENTI:
- mattina: bici 40km facili
-  pranzo: nuoto...lavoro di qualità con ripetute in soglia. Volume totale 4600m

venerdì, gennaio 04, 2013

L'evento del 2012

Mentre penso al futuro, sportivo e non.
Mentre ragiono su quale gara fare, ol tre l'Ironman di Francoforte.
Mentre organizzo la quotidiana routine di allenamento, lavoro e analisi degli allenamenti dei ragazzi che seguo.
Insomma, mentre faccio quello che rientra nella mia giornata tipo, che a tratti può sembrare piatta e monotona, poche variazione pochi eccessi; mentre tutto corre e passa veloce, penso al passato...al 2012.

Mi viene da pensare alla cosa che abbia caratterizzato maggiormente il mio 2012... la testa per deformazione pensa sempre li: lo sporto; gli allenamenti, le gare, le gioie ed i dispiaceri.

Nei momenti in cui mi dedico a me stesso, oggi è capitato in corsa....nell'alba del lungomare di Giulianova alle 6:45. Mentre correvo, senza badare al gps. all'orologio; aumatizzato nel percorso, stessa strada, setsse mattonelle che rivestono il marciapiede; paesaggio soloto supendo che si colora ad est mano a mano che il cielo si schiarisce.
Questa mattina ho pensato.

Qual'è l'evento che ha caratterizzato in bene e quale in male questo 2013?

Passo dopo passo, la mente libera scorreva per linne generali il mio 2012.
Dagli allenamenti alle gare, alle serate con gli amici ed alle giornate in spiaggia, fino alla sera del 31.

Tante le emozioni riaffiorate in quei 40 minuti di questa mattina.
Immagini e ricordi a tratti limpidi a tratti a pochi e annebbiati dalle dimenticanze; alcuni dettagli che sfuggono mentre altri sono vivi nella mente.

L'evento negativo...il primo che mi viene alla mente, quello che proprio mi ha lascioato l'amaro in bocca......
quel primo pomeriggio del 15 luglio a Zurigo, quando la tesdta ha detto NO, ed  il mio fisico non ha reagito lasciandosi andare e cedere alla tentazione di mollare non lottare.
Un tarlo che ormai gira sempre nella mente, sebbene in toni minori, che si affievoliscono mano a mano...è sempre lì, quasi a gridare venedetta....


L'evento positivo.
Qui la scelta è dura. Una grande variaetà di ricordi positivi...qualche buon risultato in campo. Qualche podio preso e medaglia messa al collo.
Ma le meozioni più vive le ho ricevute dal contorno.
Amici, compagni, la squadra....un'insieme che al solo pensiero mi fa venir la pelle d'oca.
Il 30esimo compleanno festeggiato alla vigilia della gara più importante della stagione, il dopo gara con i compagni ed una buona birra che fa passare la delusione.
Su tutte però un giorno vince e rimane li, fisso...anche perchè lo rivedo ogni giorno al rientro in casa.
Metà Maratona Di Verona, corsa lenta, con un obiettivo....ricordo il traguardo e per la prima volta il mio sguardo che non va sull'orologio, niente tempo e niente posizioni.
Un'immagine a braccia alzate assieme a mio padre.....
E questo l'evento del mio 2012 sportivo.
Mentre da parte il mio forte agonismo e pensare al bello che lo sport può dare e mi ha dato.



mercoledì, gennaio 02, 2013

un nuovo anno

2013 inziato già a buon ritmo.

Smaltito il cenone di San Silvestro a casa del mitico Vale. Compagnia giusta, la solita sportiva e non.
Pochi ma buoni....amici veri e tranquilli.
Ottima cena, grandi vini..io sono andato di birra e si tira fino a non troppo tardi....non abbiamo più il fisico.

Come rituale ormai consolidato il 1° gennaio lo passo in bici:

giornata fantastica anche se freddina.
Alle 8:30 sono già in strada.
Deserto come normale aspettarsi.
pedalo solo tranquillo e senza forzare.
La prima uscita del 2013 è adnata: 110km e via....chi ben comincia è a metà del'opera.

Oggi invece son rientrato in acqua.
Aumento dei volumi con lavori aerobici in ripresa. tot 4400m....
Quest'anno ho intenzione di nuotare di più in termini di volume cercando di trarre più beneficio possibile sia a livello cardiovascolare che di economicità del gesto, di conseguenza nuotare bene uscendo relativamente meno stanco dalla prima frazione di gara.