sabato, giugno 30, 2012

BICI: l'ultimo lungo

Siamo agli sgoccioli. Il calendario segna -14 giorni. quel che fatto è fatto, non si può costruire nulla ma al contrario si possono fare tanti danni e buttare al vento una lunga preparazione. Ci si ritrova così. Dopo tanti km passati in sella arriva il momento dell'ultimo lungo, quello che terminerà la vera e propria preparazione. In realtà non è la sitanza massima, bensì un lento scendere per far recuperare il corpo e la mente. dopo i 200km di domenica scorsa, i 100 percorsi mercoledi mattina, oggi l'uscita ha segnato 150km. Ultimo assegno strappato e ora si riducono i volumi. Giorno di ferie dal negozio (lascio solo il socio nella mattinata) e ne approfitto per aggregarmi alla FLipper (oggi ne eravamo solo 4). partenza alle 6. Giaà da subito si inizia a menare e spingere. Ci incontriamo in strada, un cenno, non una parola....ci raggruppiamo e un samplice ciao ci fa rimettere subito a distanza no-draft e giù di pedale. Salita di 3km a ritmo medio, faccio girare le gambe e giù di nuovo in posizione. dopo 2h30' sostiamo a prendere acqua, media spaventosa...sosta breve e si riparte. Testa bassa e pedalare. Affrontiamo una salita da 5km... anche qui ritmo buono, si scollina e giù a tutta. Siamo a quota 4h....in km sono elevati. Sosta. Ci si saluta e appuntamento al lungo di corsa di domani. Mi rimetto in marcia, ma ancora qualche km per rientrare in casa. Soddisfatto e buona per oggi 150km tondi portati in casa.... domani si corre lungo!!!!

lunedì, giugno 25, 2012

Lungo weekend

Siamo alle battute finali. Ultimi allenamenti intensi ed impegantivi. Ancora tanti km, con il caldo che anche in questi due giorni passati si è fatto sentire e non poco. Giusto che sia così. E' estate...sole, mare e caldo!!!! Sabato mattina mi aspetta un'allenamento intenso, lungo e duro, sia fisicamente che mentalmente. ore 5 sono già in gara pronto per uscire in bici. Non è anccora giorno pieno. Salgo in bici, occhiali sul casco per vedere meglio la strada e si parte. Qulahce tratto a forte velocità per affaticare bene le gambe, qualche strappo, tratti a bassa rpm per lavorae un poco sulla forza e si può rientrare: 50km ed il pre-affaticamento è stato concluso. Garage Cambio scarpe, butto giù un gel e parto per la corsa. Cauto e tranquillo, mi faccio prendere da subito la gamba come al solito ma rallento...la strada e lunga e devo capire che all'Ironman non sarà così facile partire e mantenere grandi velocità...tocca lavorarer molto anche sulla testa. Boh...lungomare e sole, qualche ciclista a passeggio mi scorta per qualche km, due soste per ristoro alle fontae e gel energetico in corpo. Affronto la salita per rientrae in casa, due km circa. Soddisfatto l'ultimo lunghissimo è andato: 35km casa e poi lavoro.... poco tempo per rilassarsi che già sono in piscina allenametno di recupero:2,5km facili per smaltire la botta mattutina. Domenica. Ci risiamo. alle 6:45 in bici e già da subito inizio forte a spingere sui pedali. Parto bene, anche se le gambe non hanno recuperato a pieno. spingo lunghi tratti a buone velocità. Due belle salite fatte a ritmo. Rientro spingendo forte con un leggero venticello contro. caldo e tanto sudore.... sono quasi le 13 e rientro in casa..... ora si deve fare l'ultimo sforzo fisico e mentale. Scarpette e si parte. Fa caldo ma cerco di pensare ad altro, controllo controllo il passo su un percorso collinare. Chiudo bene....è andata combinato: 200km bici + 10km corsa il tempo di una doccia e via al mare. RElax assoluto e serata con amici.... Pizza ancora e ....acqua...:(

venerdì, giugno 22, 2012

TRAMONUOTANDO

Cosa c'è di meglio di una nuotata.... in tardo pomeriggio, mentre la gran parte del popolo giuliese è seduto davanti alla tv, davanti unpiatto caldo o freddo che sia, una tavola imbandita... le partite che vengono proiettate sullo schermo; la calma che regna, per almeno un'ora, prima che le seratte estive entrino nel vivo. e noi..... beh, siamo sportivi e fedelmente rispettiamo questo status. Tramonuotando, un'idea nata così per stare assieme. L'appoggio di felice, un pioniere del triathlon...per capirci, quando lui faceva triathlon in Italia io ancora gattonavo... Grazie al suo carisma, alla sua disponibilità nell'offrirci un apporto logistico per il ritrovo. Alle 19:45 eravamo li, un gruppetto di crica 10 persone pronte a nuotere alle ore 20. alle 20 in punto si parte...niente agonismo, niente tempi, niente ritmi forsennati. Nolti alle prima o seconda esperienza di nuoto in gruppo; qualcuno ha vinto la paura, altri si sono rilassati, ma tutti, dico tutti SI SONO DIVERTITI. Ci siamo TRIRUN inizia la stagione, questo è solo il primo di una serie di eventi che organizzeremo nella stagione esetiva al fine provmuore il triathlon e lo sport in genere..... vicini e lontani, veloci e lenti, agoinsti e non, amatori e professionisti.... siete tutti invitati, senza distinzione di sesso e razza...lo sport ci unisce e così dovrà essere sempre

mercoledì, giugno 20, 2012

Bike....semilungo

Dop la grande giornata sportiva di ieri: corsa al mattino bici a pranzo e nuoto la sera questa mattina come ogni mercoledi era in programma un lungo in bici. Distanza stabilita a 110-120km epoi stop per oggi. Parto più tardi rispetto il solito: ore 7:30 già è caldo e c'è un sole cocente. Poco vento e comincio a macinare sui pedali. inserisco dei lunghi tratti in posizione da crono, ma ecco che ...dopo 5' dall'inizio del primo step sento un botto. La camera della ruota davanti velocemente si sgonfia. Pazienza....mi dico. Cambio veloce e riparto, che sarà mai. Valuto il tutto e vedo con gran felicità e rabbia che il copertone presenta un taglio. LE strade sporche, i vetri, i lavori di manutenzione stradale, rendono le strade poco pulite e le ruote soggette a facili e frequenti forature. Che fare? sono a circa 15km da casa. Cambio la camera e piano piano provo a rientrare a Giulianvoa, sperdando di nono bucare nuvoamente., Tutto va per il meglio. Gara, sostituzione del copertone e di nuovo in strada. Non posso sprecare così un mercoledi di riposo da lavoro, con delle belle giornate. Alla fine chiudo il giro: 110km e passa la paura. Ancora qualche giorno di duro lavoro, lunghi allenamenti e valide intensità, poi si recupera per il grande giorno

martedì, giugno 19, 2012

A tutto MEDIO

Anche io ho ceduto alla partita. Compagnia e pizza non si rifiutano mai. Una serata passata assieme con gli amici necessita sempre e comunque della presenza. Poco interessato all'evento, ormai è così già da vari anni. Come ampiamente detto il calcio mi ha logorato un poco e l'attenzione mia personale è sempre venuta meno. Non fa eccezzione la nazionale italiana. Mah, come detto prima. Estate, terrazza, amici, pizza e ahimè...niente birra (per questo mese ccerco di starmene buono il più possibile)... mi hanno convinto a star seduto davanti il 32 pollici di Valentino. Beh...della partita ne parleranno, giornali, tv, blog e facebook. Io da parte mia posso dire che son stato bene, rilassato e tranquillo...pensando magari già all'allenamento di questa mattina. Giornate fantastiche, caldo e sole. Parto per il mio allenamento 4km risc poi 8km a 3'50"/km. le gambe nel primo sono ancora imballate. L'assenza di lavori veloci pesa molto ma la programmazione prevede questo. Mano a mano sempre meglio, prendo ritmo e fluidità; qualche km viene qualche secondo più veloce e metto un piccolo freno. concludo bene e in spinta. 2km di defaticamento e sotto la doccia ghiacciata Abbassare la temperatura: cosa fondamentale e che non sono riuscito a fare a Pescara...sto lavorando anche su quello. Perdere qualche secondo sul ritmo corsa durante la gara ma bagnarsi costantemente e non andare in surriscaldamento.

domenica, giugno 17, 2012

Alessio Vs Scipioni

Anticlone, Scipione, caldo torrido, cielo limpido, sole, mare. Turisci, macchine, bambine. Tante ragazze in costume e pareo, gente in bici, chi è al bar, chi sdraiato sul lettino. C'è chi se ne sta a casa, qualcuno viene in negozio.... Si.... è arrivata la bella stagione anche quest'anno. Caldo che si fa sentire, ma non si può mollare proprio ora. weekend di allenamenti intensi. lunghi e chilometri, braciate, pedalate e falcate.... sudore, barrette, gel e sali minerali. Grigliata di alici e vino il sabato sera :) Papà che si frega i miei calzini custoditi e pronti per essere usati il 15 luglio :( La fame che viene sempre meno. Aumenta la sete. Sale l'adrenalina. Mancano quattro settimane, speriamo di non fa cazzate. Sabato: 32km facili con qualche punta sotto i 4'/km, nel finale media 4'10"/km gestendo bene le gambe, la testa ed il caldo alle 13 in piscina: 3km facil di recupero con prevalenza ritmo aerobici DOMENICA: bike 190km in 5h17'.... salita fino a San Grabiele, ritorno e gireto nell'entroterra. tratti da 50'1h in posizione a spingere rapporti pesanti. Casa, zona cambio e 10km al passo...gestire gestire e correre tranquillo e sciolto (per quel che si può) sono le 13 e sto correndo sotto il sole cocente.

giovedì, giugno 14, 2012

si riprende dopo Pescara

Archiviata in poco tempo la gara di domenica. Analizzato a fondo l'evento e la condotta di gara, le strategie, gli errori fatti e i punti su cui lavorare. Due giorni di recupero attivo: lunedi e martedi. un allenamento blando in bici ad inziio settimana una corsa lenta ed una nuotata a ritmo aerobico martedi. Arriva già il mercoledi e il 15 luglio si avvicina sempre più. Mattinata libera dal lavoro, sole splendende e si pedala: 110km con 3 salite fatte a ritmo medio con finale in soglia e lunghi tratti in posizione a spingere rapporti importanti. Giovedi di qualità. corsa mattutina alle 6:30 4km 3x2km a 3'40"/km rec 1km a'05" 4km una bella mazzata e tanti km fatti bene sulle gambe, che...non sono molto rattive ma questo è normale. A pranzo si nuota. lavoro su ritmo gara dopo riscaldamento 300 a ritmo gara 2x150 a ritmo gara 3x100 soglia. i primi due a stile libero, l'ultimo a stile con pull e pale. Poi mare, relax e sole fino alle 15:30

martedì, giugno 12, 2012

IM 70.3 Pescara: la gara

...... Già il sabato non avvertivo il clima solito, quello abituato a vedere nelle gare WTU. L'atmosfera non era quella del grande evento...molto meno attesa e movimento rispeto il 2011. Vabbè, che ci frega...la gara è gara. partenza ore 8:40, sono in seconda batteria. Vado, tuffo, mi rialzo, alcune secche impediscono di nuotare da subito. Di nuovo giù in acqua e finalmente si prende ritmo. Da subito mi stacco, a distanza di poco dal gruppeto. Nuoto bene, senza ostacoli e senza alcun disturbo. Non finisce mai (alla fine sapremo che sono 2300/2400m) poco importa. Esco bene...tempo di 33' secchi. T1: prendo tutto con calma, forse troppa. La muta fa delle storie per uscire ma con la giusta calma si risolve tutto. Esco in bici e inizio subito a modo mio. Sulle protesi per tutto l'asse attrezzato prima di raggiungere lo svincolo per poi prendere le strade interne. Prima salita che affronto bene, la gamba gira ma non al massimo. Supero diversi atleti della prima batteria. Ho dei problemi con il sensore bici, scende giù a fondo forcella: breve sosta, risistemo il tutto e torno a pistare sui pedali. Seconda salita e le gambe vanno meglio.... ristoro e giù in discesa. Ritmo forte ma c'è vento. A tutta.... Altro giro altra corsa; altre salite. Di nuovo giù in discesa: posizione crono ma il vento e forte e fa faticare, ancora sorpassi ai danni delle prima batterie (poi mi diranno compagni di suqadra che dietro di me si era formato un trenino di circa 20 persone in perfetto allineamento e ben coperti..alla faccia del no-draft) 2h37 per fare 96km T2: entro e già avverto dolorini al fegato. Cambio con calma (addirittura ho messo i calzini) parto bene in corsa, ma sa dubito sento che non va...fitte al fegato...mangiato poco in bici e le energie che sono state spese sono molte, passo lento e passo veloce, devido così di buttar giù 3 gel...continuo con dolori fino al 10°km, poi tutto scompare. Il ritmo che riesco a tenere non è alto ma si va avanti in crescendo 1h38' per la mezza...se potava fare meglio ;) tempo totale 4h54'. Relax e dolori che lentamente svaniscono. Fegato che respira e metabolizza.... dopo una bella docia ed una birra ghiacciata attendiamo le premiazioni. Causa qualche rinuncia mi sento chiamare.... Quelifica per Las Vegas: NO GRAZIE. per ora stiamo bene così

mercoledì, giugno 06, 2012

IM 70.3 Pescara: l'equipaggiamento

A qualche giorno dalla gara ho deciso di buttare giù due righe su quello che sarà il mio equipaggiamento per la gara. Una sorta di lista-materiali che potrebbe essere utile tenere a mente anche ad altri atleti (senza presunzione alcuna, un semplice promemoria). Premetto e mi scuso con StefanoStrong per la mia mancata collaborazione con la rivista ZonaCambio, ma ultimamente non ho avuto molto tempo da dedicare all scrittura di un qualcosa che potesse essere utile e comprensivo, avrei rischiato di fare un'accozzaglia di concetti che poco di buono avrebbero apportato. Tranquillo Stefano mi rifarò.....magar i su psecifica richiesta di argomenti e tematiche da parte di chiunque ;) Iniziamo Sabato 11 giugno: check-in Bike. Ritiro PACCO GARA: mi raccomando occorre essere muniti di documento di identità e del tessetino FITRI al momento del ritiro; Vi verrà consegnato oltre al pettorale, cuffia e chip, anche un braccialetto che li all'istante vi verrà applicato al polso, questo braccialetto è strettamente personale e vi permetterà di accedere alla Zona cambio, al ristoro post-gara ed a tutte le altre zone riservate agli atleti.ù Per il pettorale vi verrà consegnaot anche un'elastico su cui attaccare il numero, ci sono anche portanumeri tecnici che sono maggiormente adatti al triathlon e più resistenti rispetto al semplice elastico in dotazione (Pubblicità: chi non lo avesse può contattarmi e sabato li prendo dal negozio e posso portarli a Pescara). Check-in Bike: orario di consegna dalle 10 alle 19. Per entrare in zona cambio e posizionare la porpia bici sono necessari: Bici, casco omologato, pettorale (questo è importante oltre che per l'ingresso in suddetta area anche perchè al momento di ingresso vi verrà scattata un foto di riconoscimento in cui dovrete mostrere il vostro numero assieme alla vostra bici). non portate altro materiale come scarpe, magliette, zainetti ed accessori vari, il tutto avrete modo di posizionarlo con calma la mattina seguente all'apertura della zona cambio. Cosa importante: non lascaite alcuna sorta di barretta, gel ed alimenti vari sulla bici o nelle zone vicine, rischierete di trovare il giorno seguente il tutto in non perfette condizioni. La mattina di domenica posizionere sulla vostra bici e nello spazio limitrofo a voi assegnato tutti gli integratori ed alimenti che userete durante la gara. Non preoccupatevi troppo per la pressione delle ruote, la mattina seguente avrete ancore la possibilità di gonfiarle con tutta calma. Non lasciate ciclocumputer, meglio non rischiare....non si sa mai. Coprite accuratamente la vostra bici con i teli che vi verranno consegnati all'ingresso zona cambio. E' possibile che ci sia unmidità durante la notte o pioggia (speriamo di no!!!!!!), quindi prestare molta attenzione alle parti rotanti, come ruote e cambio, tenete ben coperte. Per quanto riguarda il sabato sostanzialmente ci siamo....godetevi l'expo, non vi stressate troppo e pensate a divertirvi. DOMENICA 12 GIUGNO: la gara La zona cambio aprirà alle 7 e chiuderà alle 8. La bici è già li, tocca solo sistemare le ultime cose e controllare che tutto sia ok. Materiale da portare in zona cambio: - Pettorale e chip (che avrete ben saldo alla caviglia) - cuffia (consegnata nel pacco gara) ed occhialini. - Muta da triathlon; vasellina e buste in plastica per meglio calzare la muta. - Scarpette da bici - integratori solidi e liquidi (questi opportunamenti diluti nella o nelle borracce). - Kit riparazione tubolari o camera ad aria (da montare sulla bici....speriamo non serva a nessuno) - occhiali sportivi da sole - Casco....quello è già li, lasciato sulla bici da sabato - ciclocomputer o contakilometri - calzini - scarpette da running - cappellino o visiera, a seconda delle proprie abitudini e comodità - Orologio da gara running Sabato inoltre vi verrà consegnata una sacca personale nella quale mettere indumenti per il dopo gara e materiale per le docce. Questa sacca non potrà essere conservata e mantenuta in zona cambio ma dovrà essere consegnata in un'apposita zona di raccolta in modo da non creare troppa confusione tra le bici e aleti. Sistemazione della bici: controllate che le pressione delle ruote sia giusta e a tenuta. Posizionate il vostro concahilometri sulla bici, verificate che il sensore riceva il segnale dal magnete. Sistemate le vostre barrette o gel sulla bici. Per questo ci sono degli appositi portabarrette da posiziona resul tubo orizzontale. In alternativa con del nastro isolante potete sistemare i vostri integratori lungo il tubo orizzontale. Conseiglio: per quanto riguarda le barrette è buona cosa scarterla parzialmente in modo da non avere troppa difficoltà nell'aperura durante la gara. Posizionate il pettorale sul manubrio (non potete indossarlo durante la frazione nuoto) in modo da poterlo indossare subito appena arrivati in zona cambio. Casco è buona cosa tenerlo nella parte superiore del manubrio con la base rivolta verso l'alto in modo da portelo indossare immediamente. Scarpette: o le tene fisse già sui pedali, per i più esperti, oppure posizionate avanta quelle da running, in modo da averle subito a portata di mano. Materiale corsa: Posizionate scarpette e calzini posteriormente quelle da bici, serviranno dopo. Cappellno o visiera die le scarpe da runnning, con essi anche l'orologio, in modo da calzare prima le scarpe, poi indossare il cappellino e quindi in ultimo l'orologio. Gel energetici: posizionate i vostri gel da utilizzare durante la corsa accanto al cappellino, magari sotto, in modo da porteli prendere alla fine della vestizione, apporli nei taschini posteriori del body e averli a disposizione durante la corsa. Credo che per la sistemazione amterili queste siano le cose principali. Per qualsiasi dubbio o chiarimento sono a disposizione

martedì, giugno 05, 2012

Recovery week

Settimana di recupero a chiudere un grande ciclo di allenamenti in vista dell'ironmna di Zurigo il 15 luglio. in questa settimana l'obiettivo sarà recuperare! riduzione dei km e del numero degli allenamenti. Mantenimento comunque di un minimo di qualità per non perdere il ben fatto fino ad ora. concluderò il tutto con il 70.3 di Pescara. Gara test anche questa per vedere la condizione, pianificare strategie alimentari e condotta di gara sebbene la distanza Ironman non ha nulla a che vedere con le gare di mezza distanza. Tapering quindi di una settimana dove cercherò di raccogliere il più possibile le forze. Nei primi due giorni della settimana, ieri ed oggi, una singola seduta di allenamento in modo da ritemprare muscoli, articolazioni e TESTA. Poi seguiranno tre giorni da due sedute giornaliere con richiami di qualità che comunque sia saranno ridotti per non affaticare troppo il motore. Un sabato tranquillo dove proverò la bici e controllerò che tutto sia ok. Domenica GARA. Qui si respira già aria di triathlon. Gli amici esordienti e non già iniziano a scaldare i motori. In molti vorrebbero macinare ancora km e fare tanti tanti lavori..... non serve. Ormai quello che doveva essere fatto è stato fatto; ora occorre solo recuperare e...non fare danni. Mente libera e tranquillità: il divertimento sarà assicurato

lunedì, giugno 04, 2012

CAMPOTOSTO 02-03/06/2012

Forse è meglio partire da giovedi 31 maggio. Rodrigo in negozio, controlliamo la posizione in bicicletta di Sara e scambiamo due chiacchiere. Confesso a Rodrigo che nell'aria ci fosse ancora incertezza circa la possibilità di tenere aperto o chiuso il negozio sabato 2 giugno. Rodri mi accenna di una weekend sportivo a Campotosto con la Flipper. Sarebbe bellissimo...unico neo è che la truppa in blocca fosse partita venerdi alle 18 circa: impossibile aggregarsi per me. Così accantono l'idea di una weekend di allenamenti collegiali con gli amici. Sabato mattina ore 7 esco in strada per il mio lungo in bici. Solito percorso nella parte inziale dell'allenamento ed ecco che vedo sfrezziare in assetto cronoman (con tanto di ruota lenticolare) il capitano Ezio, a 10metri di distanza (in perfetta simulazione Ironman) Franco lo tallona. Stupito inverno immediatamente la rotta e mi lancio alla rincorsa dei compagni. Racciunto Franco manifesto il mio mio stupore nel vederli già nel litorale a quell'ora, contando la partenza da Campotosto (100km per arrivare in mare). Risposta pronta e smentita sorprendente: Saliamo al lago nel pomeriggio. Prendo la palla al balzo. Inoltre venerdi sera si era deciso di non aprire il negozio sabato e goderci il sole ed il mare nel giorno di festa. Posso unirmi con Voi, ci sono posti letto? (immediata la mia domanda) Certo...magari, vieni vieni (la risposta di Franco e del Capitano) E' fatta..... ma ora pensiamo all'allenamento. si forma il gruppo e si inizia a pedalare duro, giro impegnativo, salite a buon ritmo e su falsopiani o pianura si spinge in posizione.... alle fine rientro a casa con 190km con 5h30circa....siamo andati forte :) tempo di una doccia, preparare il borsone, caricare la bici e sono di nuovo in viaggio...con gli amici: direzione Campotosto. serata tranquilla bella cena e assenza totale di stress e pensieri pre-gara: domani ci si allena! ore 8 siamo a fare colazione. si parte alle 9:30 per il combinato 60km bike lungo il lago, con una bella salita di 4km, si torna alla base, cambio d iabiti e si parte per la corsa: lungo ci 30km circa attorno al lago, saliscendi e sole a picco. ritmo cauto e controllato, iniziamo a correre in ottica Ironman, controllo il passo e freno la gamba quando vuole andare. ore 14 allenamento finito. tanti km messi sulle gambe. coca cola e doccia.... ci attende il pranzo con una focaccia al crudo gustat lungo le rive del lago. tanto sole, tanto sudore.... tutto questo per racchiudere due grandi giorni di sport passati assieme ai ragazzi della Flipper.

venerdì, giugno 01, 2012

Triathlon olimpico di Bari 2012

bhe, me n'ero quasi dimenticato. tral amezza maratona di Giulianova e la corsa di 8.5km in Ascoli Piceno c'è stato anche tempo di partecipare ad un traithlon su distanza olimpica il 20 di maggio a Bari. Dopo 2 anni che non prendevo parte a questa tipologia di gare mi sono ributtato nella mischia. Complice anche un corso di aggiornamento a cui ho partecipato, sabto 19 maggio, sempre a Bari...ho deciso di inserirci anche la gara, tanto per non rendere inutile il viaggio nel capoluogo pugliese. Una serata magnifica a precedere la gara. Una cena con tanti amici tra cui molti triatleti romani che ora vedo molto raramente. la gara..... quella è andata bene. 2 batterie a nuoto. non avendo il rank mi tocca partire inseconda batteria. bene così, vivo la gara con minore pressione, ben cosciente però che la frazione bike non sarà a mio vantaggio per la scia. nuoto bene, disteso e anche forte. esco primo dall'acqua del secondo gruppo (un grande evento), sono avanti a molti atleti della prima batteria. Bici anonmia...su 3 giri, due li ho fatti in solitudine mentre il terzo ho tirato con cambi regolari un gruppetto folto di atleti (chissà perchè su 25 che ne eravamo, davanti eravamo sempre i soliti 3). Zon cambio vloce...per quel che si può e parto di corsa. L'assenza di allenamenti specifici per la distanza si fa sentire. non mi sento brillantissimo ma corro forte cmq...meglio negli ultimi 2-3km...peccato che la gara sta finendo. corro i 10,2km in 38' scarsi.... 17° assoluto... un grande rientro nella distanza... considerando i lunghi a piedi ed in bici eseguiti durante la settimana non si può che essere soddisfatti.